La Storia

LA STORIA: "UN SEME che ESPRIME LUCE"

In questi anni sono stati accolti e seguiti nella Comunità in Dialogo circa duemila persone; molte centinaia sappiamo trovarsi reinserite positivamente nelle famiglie e nella società.

Altre migliaia di giovani e di famiglie sono state incontrate, a volte accompagnate nei loro problemi attraverso colloqui e anche incontri formativi e intense testimonianze di vita richieste da scuole, da gruppi, nelle circostanze più diverse.

Oltre alle tipologie classiche di tossicodipendenza, di alcolismo, varie forme di disagio sociale sono state accolte: stranieri senza dimora, ragazze con bimbi, persone in alternativa al carcere, etc.

Ma al di là di queste attività quotidianamente svolte, spesso il solo contatto con i giovani della Comunità ha suscitato stupore e rinnovata speranza che ha allargato il cuore a moltissime persone; i giovani stessi hanno testimoniato tutto ciò in centinaia di lettere indirizzate a padre Matteo.

Quanto è accaduto in questi anni è un “seme” che esprime luce, alla cui origine - almeno nella coscienza di padre Matteo – c’è una volontà divina, che esprime ancora oggi la passione d’amore che Dio ha per l’uomo di ogni generazione.