CHI SIAMO

La Comunità in Dialogo è “un insieme di persone che lottano per essere se stesse, per riconquistare quella dignità che fa grande l’uomo, ogni uomo, qualunque sia la sua storia, qualsiasi siano le sue ferite”.

Perché “ogni uomo ha le sue ferite, e ciascuno è ferito lì dove non è stato amato”. (p. Matteo)

È un’esperienza di vita intensa che consente ad ognuno di ritrovare la parte migliore di sé: quella che ci fa più onesti, più sinceri, più autentici, più liberi.

 

Clicca qui per sapere   CHI SIAMO   A CHI CI RIVOLGIAMO   PERCHE' "IN DIALOGO"?   I NOSTRI CENTRI

 

Padre MATTEO TAGLIAFERRI

Fondatore della Comunità in Dialogo

"...l’Amore è il mistero della vita, è vita esso stesso. Lo si riconosce lì dove si vive il “senso di gratuità”, nell’uguaglianza tra gli uomini, dove amore è sperare e lottare, è essere umili e soffrire, è credere sempre nelle possibilità positive dell’altro, nonostante le apparenze contrarie…!..."

 

Clicca qui per ascoltare Chi è padre Matteo

Clicca qui per leggere la prima lettera che p.Matteo ha scritto ai giovani della Ctà

Scegli invece i princìpi per capire meglio lo "spirito" che ci unisce in questo cammino

Ultima news: AL SIMPOSIO per i 400 anni della Famiglia Vincenziana

Roma 13-14 ottobre 2017 2017

“Solo chi si sente povero può accogliere l’altro nella sua povertà: è difficile andare dal povero se non con un cuore uguale”. Lo ha detto questa mattina padre Matteo Tagliaferri, vincenziano e fondatore della “Comunità in Dialogo”, che accoglie tossicodipendenti, alcolisti e persone con disagi psico-sociali, durante il suo intervento, in occasione del Simposio per i 400 anni della Famiglia vincenziana in corso a Roma. Parlando del suo impegno ha ricordato l’importanza dell’attenzione per le singole persone, che “ci ha portato a organizzarci e riorganizzarci continuamente per dare le risposte più adeguate alle loro esigenze”. Un impegno che ha consentito a ciascuno di essere “accolto, rispettato e amato per se stesso come persona, al di là di quello che appare o dice o fa”. Ma p.Matteo ha indicato una condizione perché ciò sia possibile. “Nessuna persona si sente accolta per se stessa se non da chi ha un cuore uguale”. “Dobbiamo non solo ascoltare i bisogni delle persone che vivono la loro povertà -, dobbiamo ascoltare anche cosa dicono di noi, della nostra vita e della nostra fede, e lasciarci interpellare da ciò".

Clicca qui per leggere la news 

VIDEO

16 Maggio 2017:Il nostro Centro in ARGENTINA perchè al centro c'è LA PERSONA! 

4 di noi da 15 Maggio sono partiti in Argentina, a Bariloche, per preparare il Centro della Comunità in Dialogo che permetterà a tanti giovani in difficoltà e alla società intera di toccar con mano che si può rivivere, mettendo al CENTRO la PERSONA in tutta la sua interezza!

 

Guarda i video della Comunità in Dialogo! Clicca qui per vedere quelli sulla Comunità, quelli fatti dalla Comunità e quelli fatti da trasmissioni televisive

NOI "SVEGLIARINI"!: RIFLESSIONI

Qui sono riportate alcune testimonianze e riflessioni di padre Matteo, degli operatoridei giovani e di amici; in esse c'è il racconto di un vissuto fatto di disagi e di sofferenze; ma soprattutto trapela la testimonianza forte di un'esperienza profondamente intensa e trasformatrice come quella che si fa nella Comunità in Dialogo.

Sono espressioni diverse ma unite in uno stesso sentimento di stupore per la scoperta della possibilità di amare aldilà delle ferite dell'anima per aprirsi a qualcosa di più grande che ci trascende e ridona senso e valore alla nostra esistenza.